Maremma da scoprire: Cala Violina.

C’è una strada che collega l’ Italia del nord a Roma costeggiando il Tirreno. C’ è una deviazione, per Castiglione della Pescaia…E immediatamente ti trovi immerso in natura senza tempo interrotta da qualche isolato agriturismo o bar. Continui su questa via passi Punta Ala, e nient’altro che un cartello non luminoso ti avvisa che sei arrivato..Cala Violina km 1,5.

Lasci la macchina è inizi il percorso a piedi, di un paio di km, tra salite e discese.
Ti avvisano che ci sono cinghiali vipere ed altri animali che speri di non incontrare sul tuo cammino..ma tu vai, ugualmente. Comunicano anche che non ci sono cestini, perché appunto i cinghiali nella notte andavano a rufolare e la situazione non era gestibile.
Comunque noi non abbiamo trovato neanche un accenno di sporcizia, per terra.
Quando mezzi sudati un po’ affaticati siamo arrivati agli scalini che davano alla spiaggia, alla cala, siamo rimasti stupefatti, bellissimo. Da una fitta vegetazione si passa direttamente alla sabbia su una stretta scaletta, e il posto, è meraviglioso.
Si estende a sinistra e a destra. A destra rimane spiaggia, mentre a sinistra ci sono delle scogliere, ed è qui che siamo andati.
Si dice che questa spiaggia sia unica per il suono che la sabbia emette calpestata, in assenza di altre forti fonti acustiche a disturbare. Noi abbiamo provato a vivere quest’ esperienza ma non ci siamo riusciti, molto probabilmente siamo troppo maldestri…
Abbiamo passeggiato sugli scogli, l’ acqua era limpidissima, qualcosa di magico. Abbiamo giocato con le alghe e fatto foto. Poi ci siamo messi seduti ci siamo bevuti una birra ed abbiamo goduto della bellezza in cui eravamo immersi. Già, perché eravamo nient’ altro che nell’ ennesima perla della Maremma, e in questi luoghi il tempo assume una consistenza diversa.
Non eravamo soli, c’ erano famiglie, solitari e pescatori..ma il clima era di comune rispetto verso la bellezza che tutti ci accoglieva.
Poi il bagno non abbiamo potuto farlo, essendo l’ ultimo giorno dell’ anno, così abbiamo racimolato le nostre foto e fatto i bagagli.
Ci siamo promessi di venire d’ estate a fare snorking tra gli scogli, abbiamo rimesso le scarpe e ci siamo diretti nuovamente verso il boschetto.
Era il 31/01, sì signori, ma lì d’ estate ce n’ è proprio per tutti i gusti v’ invito ad andarci, tra l’ altro gratuito, per vivere questo meraviglioso tratto di mare da potersi godere immersi in una natura che sembra conoscere l’ uomo solo dalla lontana.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...